martedì 20 agosto 2019

Eccellenza

scritto da .

Torrese-Porto Sant'Elpidio, a voi la Serie D. Parola a Mazzagatti e Marini

Torrese-Porto Sant'Elpidio, a voi la Serie D. Parola a Mazzagatti e Marini Torrese-Porto Sant'Elpidio, a voi la Serie D. Parola a Mazzagatti e Marini

Torrese-Porto Sant'Elpidio: ci siamo. Domenica 19, con inizio fissato alle ore 15.30, abruzzesi e marchigiani si affronteranno nel primo turno nazionale dei play off di Eccellenza (Girone L). Tra gli ospiti, quasi derby per l'ex Martinsicuro Mattia Ruzzier, sua la doppietta nel 3-2 sul Fabriano Cerreto (nell'ultimo atto regionale). Tra gli osservati speciali, non vanno dimenticati il centrocampista Alessio Palladini, figlio di Ottavio, e le punte Riccardo Cuccù, ex Sambenedettese, e Kevin Ceijas (due stagioni fa ha militato nel Matelica)."Sotto la lente" il centrale difensivo (2003) Luca Cantarini.  La Torrese arriva alla disputa dopo il 3-3 contro il Sambuceto, grazie all'acuto di Torbidone a tempo scaduto. Quest'ultimo, insieme ai vari Maio, Puglia, Petronio e Stacchiotti (solo per citarne alcuni), guiderà l'assalto alla quarta serie. Chi avrà la meglio nel doppio confronto, nel prossimo turno, se la vedrà con una tra Poggibonsi e Agazzanese.

"Sono soddisfatto di aver raggiunto la fase nazionale, al termine di un campionato difficile-commenta il DG teramano, Luca Mazzagatti. "Grazie alla capacità della società di compattare l'ambiente dopo le dimissioni di Narcisi, siamo riusciti ad indirizzare il nostro cammino dove volevamo. Questa dirigenza, nel contempo, è stata brava ad avere fiducia in Remigio Cristofari, che si è dimostrato capace sul campo e ottimo uomo-spogliatoio". Sull'avversario:"Alla nostra portata, anche se servirà massima attenzione e abnegazione. Il Porto Sant'Elpidio-aggiunge-gioca molto sull'intensità, con un attacco assai rapido. In gare del genere-conclude- è importante partire col piede giusto".

In casa marchigiana, il commento è affidato al vice-presidente Gianpaolo Marini:"Sappiamo di affrontare una compagine molto forte, nelle cui fila militano calciatori con curriculum importanti. Scenderemo in Abruzzo con la voglia di far bene, ma nello stesso tempo con la mente sgombra da pressioni. Quanto sinora fatto dai nostri ragazzi-spiega-rappresenta già un qualcosa di straordinario. Non va infatti dimenticato-sottolinea-che ad inizio stagione il nostro obiettivo era quello di centrare la salvezza". Fuori dai confini regionali dopo 30 anni:"E' dal lontano 1989 che il Porto Sant'Elpidio manca dalla Serie D. Lottare di nuovo per questo traguardo-conclude-è per questa società motivo d'orgoglio".




© riproduzione riservata