martedì 19 novembre 2019

scritto da .

Tre punti preziosi per l'Acqua&Sapone: contro il Nereto termina 1-0

Tre punti preziosi per l'Acqua&Sapone: contro il Nereto termina 1-0 Tre punti preziosi per l'Acqua&Sapone: contro il Nereto termina 1-0

Serve una prova di assoluto livello per Acqua&Sapone e Nereto, in momenti simili con certezze che sembrano essere provvisoriamente svanite. Al Galileo Speziale la sfida è tutta per risalire la china: doppio stop per i padroni di casa nelle ultime uscite esterne con Sambuceto e Angizia, sono 4 i KO consecutivi per i ragazzi di De Feudis, fermati dal Pontevomano nell’ultimo turno. Fischia Giuseppe Morello di Tivoli.

La cronaca si apre subito con una clamorosa occasione per gli ospiti: da una precisa ripartenza D’Andrea imbecca Balzano che svirgola nel momento decisivo e spedisce fuori graziando i suoi ex compagni di squadra. Avvio timido per l’Acqua&sapone che cresce col passare dei minuti: Petito imbecca Vatavu, cristallo rapido e decisivo in uscita. Ci riprova il numero dieci di casa, questa volta assistito da Tassone, ma la sfida personale è vinta ancora dall’estremo difensore teramano. Momento centrale positivo per i verdeoro che oggi schierano con il n. 11 Filippo Fidanza, centrocampista 15enne all’esordio che mette in moto Zippilli ma il tiro lascia un po’ a desiderare. L’ultimo sussulto e che sussulto è del più attivo, Cosmin Vatavu. Punizione che si stampa sulla traversa e nega la gioia del gol all’ex Villa 2015.

Nella ripresa il Nereto parte con il piede ben piantato sull’acceleratore. Trenta secondi e Antonacci ben servito spara sull’esterno della rete. Poco dopo, nelle praterie lasciate dall’Acqua&sapone, si distende bene Vallorani che con un tiro cross sfiora il palo alla sinistra di un inoperoso Palena. Si muove bene ma senza sfondare Fernando Montiel, assist leggermente lungo per l’accorrente D’Andrea. Ed allora come successo nel primo tempo, il motore diesel Acqua&Sapone comincia a carburare: Colantoni al centro da Catavu, ma il colpo di testa non è né potente né preciso. Alla mezz’ora episodio importante: atterrato D’andrea, il direttore di gara non dà vantaggio e fischia la punizione: vibranti proteste degli ospiti, in campo e fuori. Ne fa le spese mister De Feudis espulso da Morello di Tivoli dopo un consulto con l’assistente. Al 35’ dal nulla nasce il vantaggio dell’Acqua&Sapone. Fallo fischiato su Marrone, assist di Vatavu per Petito, Ballanti tenta di opporsi deviando il pallone ma lo deposita lentamente in fondo al sacco. E’ un colpo pesante per il Nereto in una gara che stava scorrendo sui binari dell’equilibrio, è una gioia immensa per l’Acqua&Sapone. Ma non si arrendono gli ospiti pericolosi successivamente un paio di volte con Damiano Di Eleuterio, non è giornata per la mira dei rossoblu imprecisi anche in queste circostanze.

L’ultima chance è sul sinistro di Giuseppe Colantoni che va ad arpionare un pallone avversario per poi spedirlo a lato di poco. Triplice fischio: 1-0 al galileo speziale per l’Acqua&sapone che tra le mura amiche continua la sua marcia per togliersi fuori dalla zona playout, scavalcato in classifica dai verdeoro proprio il Nereto che ha bisogno di episodio positivo per invertire la rotta e tornare in acque sicure.

IL TABELLINO:

ACQUA&SAPONE-NERETO 1-0 (0-0)

ACQUA&SAPONE: Palena, Erasmi, Di Biase, Zippilli, Catenaro (2' pt Marrone), Tassone (20' st Valerio), Colantoni, Maiorani (20' st Corvini), Petito, Vatavu (36' st Trento), Fidanza (31' st Marcedula). A disposizione: Di Muzio, De Leonibus, De Fanis, Evangelista. Allenatore: Cianfagna

NERETO: Cristallo, Balzano, Vallorani, Sorci, Ballanti, Dedja, D’Andrea (31' st Calvanese), Selmanaj (12' st Barakaj), Montiel, Pagliuca, Antonacci (31' st Di Eleuterio). A disposizione: Carrieri, Oresti, Paolini, Monaco, Tomassini, Anello. Allenatore: De Feudis

Arbitro: Giuseppe Morello di Tivoli (Falcone di Vasto-Di Carlantonio di Teramo)

Reti: 35’ st aut. Ballanti (A&S)

Ammoniti: Vatavu, Di Biase, Erasmi (A&S); Selmanaj, Ballanti (N)

Espulsi: mister De Feudis per proteste al 30’st (N)





© riproduzione riservata