• Classifica Serie D (girone F)
ps squadra pt g v n p gf gs
1 Campobasso 62 30 18 8 4 50 27
2 L'Aquila 1927 58 30 17 7 6 36 21
3 Sambenedettese 54 30 14 12 4 50 28
4 Vigor Senigallia 49 30 13 10 7 50 38
5 Roma City 48 30 13 9 8 51 32
6 Avezzano 47 30 13 8 9 41 30
7 Chieti FC 1922 46 30 12 10 8 34 29
8 S.N. Notaresco 43 30 11 10 9 36 35
9 Atletico Ascoli 39 30 9 12 9 30 29
10 Forsempronese 1949 36 30 7 15 8 25 26
11 Termoli 35 30 9 8 13 24 34
12 Real Monterotondo 35 30 10 5 15 33 52
13 Sora calcio 1907 34 30 8 10 12 29 34
14 Tivoli calcio 1919 33 30 9 6 15 32 46
15 United Riccione 31 30 8 7 15 41 44
16 A.J. Fano 26 30 4 14 12 28 41
17 Vastogirardi 26 30 6 8 16 21 41
18 Matese 25 30 6 7 17 20 44
Promossa Playoff Playout Retrocessa
  • Risultati 30ª giornata — Serie D
Casa Ospite
domenica 07 aprile 2024 — 15:00
Atletico Ascoli 3 1 Vastogirardi
Campobasso 3 1 United Riccione
Chieti FC 1922 3 0 Termoli
L'Aquila 1927 1 0 Sambenedettese
Matese 2 1 S.N. Notaresco
Real Monterotondo 2 1 Sora calcio 1907
Roma City 3 0 Avezzano
Tivoli calcio 1919 2 2 A.J. Fano
Vigor Senigallia 1 1 Forsempronese 1949
Risultati aggiornati al: 07 apr 2024
  • 31ª giornata — Serie D
casa ospite
domenica 14 aprile 2024 — 15:00
A.J. Fano Roma City
Avezzano Vigor Senigallia
Forsempronese 1949 Atletico Ascoli
S.N. Notaresco Chieti FC 1922
Sambenedettese Campobasso
Sora calcio 1907 Tivoli calcio 1919
Termoli Real Monterotondo
United Riccione Matese
Vastogirardi L'Aquila 1927

Il Futsal Pescara vince il primo set

La serata del 3, il numero perfetto. Il Pescara vince la terza partita consecutiva e sale al terzo posto in classifica con 33 punti, in attesa dei posticipi in programma domani. La vittoria arriva con un 6 a 1 (due volte tre) sui siciliani nel primo dei due match ravvicinati contro la squadra di Tarantino: martedì prossimo alle 19 si replica, ma per la sfida secca di Coppa Italia, chi la vince va all’ultimo atto per la qualificazione alle Final Four.

Despotovic, senza André Ferreira e Rivella ancora fermi ai box, torna al Palarigopiano forte del successo sul campo del Pesaro, che ha dato autostima e punti pesanti ai suoi in classifica. Il Meta Catania deve vincere a tutti i costi per accorciare sull’ottavo posto, ma parte commettendo troppi falli in apertura del match e si ritrova sotto di due al 7’. Difficile rimontare così, ma i siciliani ci provano con il portiere di movimento e restano agganciati alla partita all’intervallo. Tornati in campo per i secondi 20’, i ragazzi di Tarantino accorciano con Alonso dopo 2’ e mettono in affanno il Pescara, che ha già 5 falli sulle spalle dopo 4’. Sembra di vedere il primo tempo alla rovescia, ma non è così: Caruso firma il tris biancazzurro prima del quarto minuto e rimette la partita sul binario giusto per i padroni di casa. Quando arriva il poker firmato dall’ex Rossetti (sono 12 gol in campionato per il pivot), Catania esce dal match e perde un po’ il controllo nervoso. Alonso si fa espellere ingenuamente per proteste (era già ammonito) e il Pescara ne approfitta subito: il 5-1 di Micheletto è una sentenza all’inizio dell’’ultimo quarto di gara. A 6’ dalla fine, Bukovec chiude il match con il sesto gol segnato in velocità al termine di una ripartenza tutta costruita ad un tocco. Tarantino prova con il portiere di movimento (Podda), ma Mammarella abbassa la saracinesca. Appuntamento a martedì per la rivincita, in cui il Meta Catania calerà l’asso Musumeci, oggi out per squalifica.

 

FUTSAL PESCARA – META CATANIA 6-1 (p.t. 2-0)

FUTSAL PESCARA Mammarella, Rossetti, Montes, Micheletto, Murilo, Bukovec, Coco Wellington, Montefalcone, Caruso, Fatiguso, Petrov, Patricelli. All. Despotovic.

META CATANIA Dovara, Podda, Silvestri, Pulvirenti, Alonso, Lutin, Vaporaki, Coco, Bocao, Corallo, Alex Garcia, Tornatore. All. Tarantino.

ARBITRI Piccolo di Padova, Voltarel di Treviso, crono Colombo di Modena.

MARCATORI nel p.t. 5’25’’ Rossetti (P), 7’33’’ (Micheletto, t.l.); nel s.t. 2’21’’ Alonso (MC), 3’42’’ Caruso (P), 7’07’’ Rossetti (P), 10’ Micheletto (P), 13’39’’ Bukovec (P).

NOTE espulsi 9’ s.t. Alonso (MC) per doppia ammonizione; ammoniti Alonso (MC), Vaporaki (MC), Murilo (P), Micheletto (P), Petrov (P), Bocao (MC), Silvestri (MC).